La pilola abortiva (Mifegyne)

In un aborto eseguito con la pillola (Mifegyne) viene utilizzato il principio attivo Mifepristone. Questo metodo viene impiegato fino alla settima settimana di gravidanza.

Secondo l’Ufficio federale di statistica, quasi tre quarti di tutti gli aborti in Svizzera sono praticati in questo modo. Il farmaco più comunemente usato è la RU 486, nota come Mifegyne (“pillola abortiva”).

L’aborto chimico avviene in tre fasi

Prima fase

Si determina il gruppo sanguigno della donna incinta in caso di grave emorragia durante l’aborto. Alla donna vengono poi somministrate tre compresse di 200 milligrammi di mifepristone ciascuna. Deve prendere le pillole immediatamente ed è sotto controllo medico per almeno due ore. Sarà poi dimessa.

Il mifepristone arresta l’effetto dell’ormone progesterone. Il progesterone è necessario per mantenere la gravidanza. Il mifepristone ha l’effetto che il corpo non «percepisce» più la gravidanza. Di conseguenza, la cervice si apre nelle 48 ore successive e il muco che vi si è solidificato diventa molle. L’assunzione delle compresse provoca anche il distacco dell’endometrio con i villi coriali dalla parete uterina. Questo fa sì che l’embrione perda la sua scorta di cibo e muoia.

In circa il 3% dei casi, il sanguinamento inizia in questa fase e l’embrione viene espulso insieme al tessuto placentare. Durante questo processo, il corpo luteo che mantiene la gravidanza viene sciolto.

Seconda fase

Solo in pochissimi casi l’ingestione di Mifegyne da sola causa l’espulsione dell’embrione. Perciò dopo due o tre giorni, il medico somministra alla donna la prostaglandina, un ormone che fa scattare le contrazioni. La donna deve essere monitorata per sei ore. Circa due ore dopo la somministrazione della prostaglandina, inizia il sanguinamento, l’utero si contrae e l’embrione viene espulso. Durante l’espulsione dell’embrione possono verificarsi nell’addome dolori mestruali o anche dolori simili a quelli del travaglio. Circa un quarto delle donne ha bisogno di farmaci per alleviare il dolore. Se l’emorragia non inizia dopo tre ore, la donna riceve nuovamente la prostaglandina.

Terza fase

Da sette a tredici giorni dopo l’assunzione di prostaglandina, viene effettuato un controllo di follow-up. Si esamina se l’embrione e il tessuto placentare, compresi i villi coriali, sono stati completamente espulsi. A questo scopo vengono utilizzati metodi ad ultrasuoni o chimici.

Nota

La «pillola dell’aborto» non è la cosiddetta «pillola del giorno dopo», che può essere presa fino a 72 ore dopo il rapporto sessuale e ritarda o inibisce l’ovulazione, oppure impedisce l’impianto di un ovulo già fecondato.

Naturalmente, i rischi di aborto sono ridotti al minimo con Mifegyne. Decine di morti e centinaia di casi con gravi complicazioni sono stati segnalati in tutto il mondo. Un caso particolarmente drammatico è stato riportato da Torino, Italia, dove una donna di 37 anni ha avuto un arresto cardiaco improvviso il 9 aprile 2014 dopo l’assunzione di Mifegyne e non épotuto essere salvata nonostante i tentativi di rianimazione da parte del personale ospedaliero.