L’aborto tramite la pillola

Il mifepristone, il principio attivo della pillola abortiva, interferisce con il sistema ormonale della donna incinta. Gli effetti collaterali possono includere diarrea, vomito e nausea. In alcuni casi, durante l’aborto con la pillola si sono verificati problemi di circolazione. 

Una forte emorragia può essere un’altra complicazione. Potrebbe essere necessario un raschiamento uterino per fermare l’emorragia. A volte può essere necessaria una trasfusione di sangue. Per questo motivo l’aborto con la pillola può essere praticato solo in strutture mediche che dispongono delle attrezzature necessarie per un’emergenza medica.

Con questo metodo di aborto, non è il medico che esegue l’aborto. È la stessa donna incinta che deve iniziare l’aborto prendendo le pillole. Il decorso di un aborto medico può quindi essere tanto più stressante dal punto di vista psicologico. Dopo l’assunzione del farmaco, alcune donne pensano di nuovo se questa è davvero la cosa giusta da fare e se possono ancora salvare il loro bambino. Informazioni sulle possibilità di interrompere il processo di aborto possono essere ottenute dall’équipe di Prodonna.