Esami ecografici 

In una gravidanza che procede senza sospetti di malattie o di pericoli per la madre e il bambino, di solito sono previsti due esami ecografici. I costi che ne derivano sono coperti dall’assicurazione di base. Un primo esame si svolge tra la undicesima e la quattordicesima settimana di gravidanza, e un secondo tra la ventesima e la ventitreesima settimana di gravidanza.

Se i risultati non sono chiari, l’assicurazione di base può coprire ulteriori esami.

Il primo test serve ad escludere una gravidanza ectopica e a confermare la gravidanza. Indica anche se c’è una gravidanza multipla. Inoltre, la gravidanza può essere datata misurando il bambino. A volte il medico corregge la data di nascita calcolata in precedenza. In questo modo si può determinare al prossimo esame ecografico se il bambino sta crescendo normalmente. Gravi malformazioni sono già visibili nella prima ecografia.

La cosiddetta ecografia supplementare fine, che può essere eseguita anche tra la ventesima e la ventitreesima settimana di gravidanza, non fa parte dell’esame regolare. Si tratta di un esame molto complesso con uno screening dettagliato degli organi del nascituro. Tuttavia, non rivela anomalie genetiche.

Tutti questi esami a ultrasuoni sono indolori e, secondo lo stato attuale delle conoscenze, non sono dannosi per la salute.