Puntura della placenta 

La puntura placentare (prelievo di villi coriali) è una procedura per la diagnosi di malattie ereditarie nel nascituro. L’esame viene effettuato per via della parete addominale o attraverso la vagina.

Durante l’intervento attraverso la parete addominale, un ago da puntura viene inserito nella placenta sotto anestesia locale nel punto della puntura sull’addome. Un piccolo campione viene prelevato dai villi tissutali della placenta (villi coriali). Essi contengono le informazioni genetiche del bambino e vengono esaminati per individuare eventuali anomalie cromosomiche. Questa biopsia è eseguita a partire dalla decima settimana di gravidanza.

Il tessuto può anche essere rimosso con un sottile catetere attraverso la vagina e la cervice. Il sottile tubo viene portato fino alla placenta sotto controllo ecografico per rimuovere una piccola quantità di villi coriali.

Il risultato dell’esame è relativamente certo. È raro che i cosiddetti risultati del mosaico si verifichino quando le cellule materne vengono accidentalmente forate e mescolate con il tessuto fetale.

Come per ogni procedura invasiva, il prelievo dei villi coriali comporta un alto rischio di aborto spontaneo, semplicemente a causa della puntura. Questo rischio va dall’1 al 3%. Altri rischi sono infezioni, lesioni vascolari e il travaglio prematuro.

Con tutte le procedure diagnostiche invasive, la questione centrale è cosa fare con il risultato dell’esame. Poiché la terapia è generalmente esclusa, le persone che si oppongono all’aborto dovrebbero evitare questa procedura diagnostica fin dall’inizio.