Protezione contro il licenziamento durante la gravidanza  

Licenziamento abusivo

Una volta trascorso il periodo di prova, il datore di lavoro non può licenziare una donna incinta fino a 16 settimane dopo il parto (art. 336c CO). La protezione contro il licenziamento vale anche quando il bambino è nato morto se la gravidanza è durata almeno 23 settimane.

Un licenziamento pronunciato durante questo periodo è nullo e non ha alcun effetto. Se un datore di lavoro vuole disdire il rapporto di lavoro, deve notificare la cessazione del rapporto di lavoro dopo le 16 settimane dalla nascita. Inoltre, deve rispettare il periodo di preavviso.

Disdetta del rapporto di lavoro per chiusura o vendita dell’azienda

Durante la gravidanza, la protezione contro il licenziamento si applica anche in caso di chiusura o vendita dell’azienda.

Cessazione durante il periodo di prova

La tutela contro il licenziamento non si applica durante il periodo di prova. La disdetta durante il periodo di prova è valida anche se viene data per una data successiva al periodo di prova.

Licenziamento durante la gravidanza – cosa succede ora?

In caso di licenziamento durante la gravidanza, è possibile rivolgersi all’ispettorato del lavoro cantonale. Una donna incinta ha anche la possibilità di assumere un avvocato; se non ha i mezzi finanziari per farlo, può richiedere l’assistenza legale gratuita. Si prega di notare che la procedura di conciliazione non prevede normalmente l’amministrazione gratuita della giustizia. Inoltre, questa è rimborsabile se in seguito si trova in una situazione finanziaria più favorevole.

La donna incinta può porre fine al suo impiego

La donna incinta può disdire il rapporto di lavoro in qualsiasi momento, purché rispetti i termini di preavviso. Tuttavia, è consigliabile astenersi da un’interruzione prematura durante la gravidanza. Da un lato, per non perdere il diritto all’indennità di maternità e, dall’altro, perché la disoccupazione ha spesso un ulteriore effetto negativo sulla costituzione mentale della donna in caso di aborto spontaneo o quando il bambino nasce morto.